RISPOSTA ALLA COVID-19. Nel corso di questa pandemia siamo impegnati a sostenere la nostra comunità scientifica. Scopri di più

L’Università di Leeds utilizza il sistema ImageXpress Pico per studiare la funzione delle proteine

Università di Leeds

Darren Tomlinson

Heather Martin

Sistema di imaging cellulare automatizzato ImageXpress Pico

La sfida

Il laboratorio del dott. Tomlinson presso la Facoltà di Biologia Molecolare e Cellulare dell’Università di Leeds, nel Regno Unito, studia la funzione delle proteine a livello molecolare. Il gruppo di ricerca di Darren Tomlinson è interessato all’uso di un nuovo strumento di riconoscimento molecolare, chiamato Affimer, per studiare la funzione delle proteine. Un Affimer (anche noto come Adhiron) è una proteina scaffold che contiene due loop randomizzati per il riconoscimento molecolare. Queste molecole possono essere utilizzate come reagenti alternativi agli anticorpi per applicazioni come i dispositivi diagnostici e utilizzati per sondare la superficie di proteine target allo scopo di identificare i domini chiave coinvolti nella loro funzione. Il laboratorio offre un servizio di screening per molti tipi di molecole, ma l’obiettivo dei ricercatori è quello di usare lo scaffold degli Affimer per capire la funzione delle proteine a livello molecolare.

Per studiare questi Affimer, il gruppo aveva bisogno di un sistema facile da usare, che permettesse di eseguire screening su scala ridotta.

Sistema ImageXpress Pico per studiare la funzione delle proteine

La soluzione

Il gruppo ha scelto il sistema ImageXpress Pico come alternativa conveniente e intuitiva ad altri sistemi di imaging ad alto contenuto.

I risultati

Il gruppo sta utilizzando il sistema ImageXpress Pico principalmente per screening su scala ridotta eseguiti per valutare l’impatto delle proteine Affimer dirette contro una varietà di proteine intracellulari su vie di segnalazione a valle delle proteine target. Un esempio è visibile nella Figura 1, che mostra fibroblasti embrionali di topo trasfettati con Affimer marcati con GFP (verde) e colorati per la proteina ERK fosforilata (arancione). L’esperimento dimostra che l’Affimer diretto contro la proteina riduce l’espressione di pERK stimolata da EGF.

Il gruppo utilizza il sistema ImageXpress Pico anche per esperimenti condotti a vari punti temporali, in cui la funzione di controllo della temperatura risulta particolarmente utile.

Attualmente, i ricercatori acquisiscono immagini di 2-3 piastre al giorno, a seconda del saggio, poiché generalmente utilizzano 3-4 fluorofori/piastra.

“Apprezziamo l’interfaccia intuitiva del software CRX che facilita l’uso per i non specialisti”

 

Fibroblasti embrionali di topo trasfettati con GFP

Figura 1: Fibroblasti embrionali di topo trasfettati con Affimer marcati con GFP (verde) e colorati per la proteina ERK fosforilata (arancione). Le frecce indicano le cellule che esprimono gli Affimer, in cui è chiaramente visibile una riduzione della colorazione per pERK. Immagini acquisite con il sistema ImageXpress Pico con un ingrandimento 20x.

Maggiori informazioni sul laboratorio del dott. Tomlinson