RISPOSTA ALLA COVID-19. Nel corso di questa pandemia siamo impegnati a sostenere la nostra comunità scientifica. Scopri di più

Rilevazione, quantificazione e analisi degli acidi nucleici (DNA/RNA)

Quantificazione e analisi degli acidi nucleici in micropiastre

Cosa sono gli acidi nucleici?

Gli acidi nucleici sono grandi molecole biologiche comuni a tutte le forme di vita note. Generalmente sono presenti in natura in due forme: acido desossiribonucleico (DNA) e acido ribonucleico (RNA).

Differenza tra DNA e RNA

Il DNA e l’RNA sono composti da nucleotidi, ciascuno dei quali è costituito da uno zucchero a 5 atomi di carbonio, una base azotata e un gruppo fosfato. Il DNA è formato da un doppio filamento di nucleotidi appaiati, mentre generalmente l’acido ribonucleico (RNA) è composto da un singolo filamento. I nucleotidi che compongono il DNA sono l’adenina, la citosina, la guanina e la timina, mentre l’RNA contiene uracile al posto della timina. Le sequenze di nucleotidi del DNA sono organizzate in unità chiamate geni, che contengono le informazioni che codificano per singole proteine. Il DNA per un gene viene trascritto per generare una copia di RNA del gene, che poi serve come stampo per la sintesi della proteina.

I danni e le mutazioni del DNA che alterano la sequenza dei geni possono determinare la formazione di proteine difettose che compromettono il normale funzionamento della cellula. I tumori sono un chiaro esempio di come le mutazioni genetiche possono interferire con la normale regolazione del comportamento delle cellule, causando una crescita cellulare incontrollata. Le ricerche sulla funzione dei geni e sulle alterazioni genetiche che danno origine a malattie continueranno a portare alla scoperta di nuovi composti terapeutici.

Metodi di quantificazione degli acidi nucleici

Gli acidi nucleici vengono spesso purificati dalle cellule nell’ambito di una gamma sempre più ampia di metodiche di biologia molecolare, che includono il sequenziamento e l’editing genetico. Prima di essere utilizzati in applicazioni a valle, gli acidi nucleici vengono rilevati e quantificati utilizzando la spettrofotometria nell’UV o in fluorescenza. Tradizionalmente i campioni venivano misurati individualmente in cuvette, mentre attualmente l’analisi viene eseguita routinariamente in micropiastre.

Molecular Devices offre una soluzione completa per il flusso di lavoro per la rilevazione, la quantificazione e l’analisi degli acidi nucleici. Le nostre note applicative illustrano la quantificazione e l’analisi degli acidi nucleici in micropiastre, un processo che assicura un rendimento più elevato rispetto ad altre metodiche, nonché il calcolo automatico dei risultati.

  • Misurazioni dell’assorbanza del DNA/RNA

    Quantificazione di DNA/RNA

    L'assorbanza di un campione di DNA misurata a 260 nm su uno spettrofotometro o un lettore per micropiastre può essere usata per calcolarne la concentrazione. La quantificazione del DNA mediante la lettura dell’assorbanza può essere eseguita su campioni con concentrazione compresa tra circa 0,25 µg/ml e circa 125 µg/ml in micropiastre.

    Scoprite come misurare l’assorbanza sui nostri lettori di assorbanza per micropiastre con le nostre note applicative in primo piano:

    eBook: Quantificazione di acidi nucleici e proteine

    Ottimizzazione dei saggi in assorbanza per la quantificazione delle proteine e degli acidi nucleici

    Ottimizzazione dei saggi in assorbanza per la quantificazione delle proteine e degli acidi nucleici

    I lettori per micropiastre in assorbanza sono ampiamente utilizzati nella ricerca di base, nella scoperta farmacologica, nella validazione dei saggi biologici, nel controllo di qualità e nei processi di produzione nell'industria farmaceutica, biotecnologica, degli alimenti e delle bevande, e in campo accademico. Questi lettori permettono di eseguire misurazioni rapide e sensibili su una varietà di analiti in un ampio intervallo di concentrazioni per un vasto assortimento di saggi, tra cui ELISA, crescita microbica, rilevazione di componenti e contaminanti chiave e quantificazione delle proteine.

    Scarica l’eBook 

  • Quantificazione fluorimetrica degli acidi nucleici

    Quantificazione degli acidi nucleici

    La quantificazione del DNA è un passaggio fondamentale in biologia molecolare, richiedendo accuratezza, affidabilità e impiego di volumi di campione sempre più ridotti per applicazioni come per esempio il sequenziamento di prossima generazione. Rispetto alla quantificazione del DNA per via spettrofotometrica, la metodica fluorimetrica offre vantaggi critici come per esempio una sensibilità significativamente maggiore, elevata selettività per il DNA a doppio filamento (dsDNA) rispetto al DNA a singolo filamento (ssDNA) o all'RNA e una migliore tolleranza ai contaminanti (molecole proteiche e carboidrati).

    Di seguito potete trovare alcune note applicative sulla quantificazione fluorimetrica degli acidi nucleici che potrebbero essere di vostro interesse:

    Genotipizzazione di SNP

    Genotipizzazione di SNP

    La genotipizzazione è un processo per l’analisi delle differenze genetiche tra gli individui mediante l’esame delle loro sequenze di DNA. I polimorfismi a singolo nucleotide (Single Nucleotide Polymorphisms, SNP) rappresentano uno dei tipi più comuni di variazione genetica e sono costituiti dalla mutazione di un singolo nucleotide in un locus specifico. La genotipizzazione degli SNP si è rivelata molto utile nell’identificazione di mutazioni correlate a malattia in varie specie, per cui sono state sviluppate molte tecniche per l’identificazione degli SNP.

Ultime risorse

Risorse per la quantificazione e analisi degli acidi nucleici (DNA/RNA)