RISPOSTA ALLA COVID-19. Nel corso di questa pandemia siamo impegnati a sostenere la nostra comunità scientifica. Scopri di più

iTeos utilizza i nostri lettori per micropiastre multimodali per identificare composti terapeutici indirizzati contro il microambiente immunitario tumorale

“Nel nostro lavoro, abbiamo bisogno di dati di altissima qualità e riproducibilità. Per questo, ci affidiamo ai prodotti di Molecular Devices"

iTeos Therapeutics SA, Belgio

Jakub Swiercz, Direttore, Farmacologia e screening in vitro

Lettore per micropiastre multimodale SpectraMax i3x

Lettore per micropiastre multimodale SpectraMax Paradigm

La sfida

La missione di iTeos, uno spin-off del Ludwig Institute of Cancer Research (LICR) e del de Duve Institute (UCL), è quella di scoprire e sviluppare terapie immunitarie per offrire benefici ai pazienti oncologici.

L’immunoterapia è un approccio innovativo nel trattamento del cancro che cerca di eliminare i tumori attraverso la stimolazione del sistema immunitario. La prima generazione di immunoterapie, che includeva inibitori dei checkpoint immunitari e vaccini antitumorali, è stata limitata dalla percentuale di pazienti in grado di ottenere benefici e dall’entità e dalla durata della risposta nei pazienti trattabili. Benefici terapeutici sono stati osservati nei tumori invasi da linfociti T, i cosiddetti tumori infiammati, immunogenici o “caldi”. Tuttavia, la disponibilità di approcci immunitari per i tumori non infiammati o “freddi” continua a essere un’importante esigenza medica insoddisfatta.

iTeos sta sviluppando una serie di prodotti proprietari diretti contro i recettori A2A, i checkpoint immunitari e i tumori non infiammati. Jakub Swiercz dirige il gruppo di Farmacologia e screening in vitro, i cui membri sono responsabili per la scoperta di nuovi target e per i test di routine sui composti per i progetti esistenti.

iTeos utilizza lettori per micropiastre multimodali per identificare composti terapeutici

Per soddisfare le esigenze della propria attività di ricerca, il gruppo aveva bisogno di un robusto lettore per micropiastre per l’uso quotidiano, che permettesse di eseguire una varietà di saggi biochimici e cellulari. Inoltre, i ricercatori necessitavano anche di un sistema dedicato per l’analisi ad alto rendimento dei nuovi target terapeutici identificati. Entrambi i sistemi dovevano essere in grado di fornire dati di altissima qualità e riproducibilità.

La soluzione

Il gruppo utilizza i lettori per micropiastre multimodali SpectraMax® i3x e SpectraMax® Paradigm®. Il funzionamento di entrambi i lettori è basato sull’uso di cartucce, il che permette di configurare facilmente il modulo di rilevazione prescelto. Per i propri saggi, il gruppo utilizza un’ampia varietà di cartucce, tra cui HTRF, AlphaScreen e la cartuccia per iniettore SpectraMax. Il sistema SpectraMax i3x viene adoperato come solida piattaforma per l’uso quotidiano, mentre il sistema SpectraMax Paradigm è il cavallo di battaglia del gruppo per l’analisi ad alto rendimento di nuovi target.

10x384 piastre/giorno

Numero approssimativo di screening eseguiti al giorno

I risultati

Il vantaggio competitivo di iTeos consiste nella sua combinazione di competenze nel campo della scoperta farmacologica e dell’immunologia oncologica traslazionale. L’azienda utilizza un’esclusiva piattaforma per identificare combinazioni razionali di immunoterapie e nuovi target. Questa piattaforma è basata sull’affidabilità della sua strumentazione, che include lettori per micropiastre di Molecular Devices. I dati generati utilizzando questi sistemi stanno facilitando l’identificazione e la sperimentazione di composti terapeutici immuno-oncologici di nuova generazione che in futuro offriranno benefici ai pazienti affetti da tumori.

Maggiori informazioni su iTeos sono disponibili qui.

iTeos è stata fondata grazie a una sinergia di investitori privati e finanziamenti pubblici erogati dalla regione della Vallonia in Belgio e dal FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale).

 

“Ci piace moltissimo l'i3x per la sua fine adattabilità ai vari saggi eseguiti in laboratorio. Sono necessari solo pochi semplici passaggi per cambiare le cartucce e adattare lo strumento alle nostre esigenze quotidiane.”