RISPOSTA ALLA COVID-19. Nel corso di questa pandemia siamo impegnati a sostenere la nostra comunità scientifica. Scopri di più

L’Università di Ginevra utilizza i lettori FlexStation 3 e SpectraMax per lo sviluppo e lo screening di saggi

Università di Ginevra, Unità Readers, Assay Development and Screening, Facoltà di Medicina

Dott. Yves Camet, Ricercatore

Lettore per micropiastre multimodale SpectraMax Paradigm

Lettore per micropiastre multimodale 3 FlexStation

Lettore per micropiastre SpectraMax L

La sfida

 Il dott. Yves Cambet è un ricercatore dell’unità Readers, Assay Development & Screening (RE.A.D.S) presso la Facoltà di Medicina nel Centro Medico Universitario (C.M.U.) di Ginevra, in Svizzera. I principali obiettivi dell’unità RE.A.D.S sono quelli di offrire le proprie competenze nello sviluppo e screening di saggi a tutti gli scienziati che lavorano nella facoltà. Il gruppo supporta un’ampia gamma di saggi, da quelli per target enzimatici a quelli basati su cellule, in formati sia a 96 che a 384 pozzetti.

L’Università di Ginevra utilizza i lettori FlexStation 3 e SpectraMax per lo sviluppo di saggi

La soluzione

Per supportare questo lavoro cruciale, i ricercatori utilizzano una varietà di lettori per micropiastre all’avanguardia, tra cui: il lettore per micropiastre multimodale FlexStation® 3 per saggi sui canali ionici, come quelli per il potenziale di membrana o per il calcio, il lettore per micropiastre SpectraMax® L per tutti i saggi basati sulla luciferasi, il lettore per micropiastre multimodale SpectraMax® Paradigm per un’ampia gamma di altri saggi, tra cui ELISA, citotossicità, Bradford, vitalità cellulare, ecc.

Due di questi lettori sono provvisti di un sistema di iniezione che permette agli scienziati di eseguire misurazioni su vari pozzetti simultaneamente in modalità cinetica. Analizzando tutti i dati con il software di acquisizione e analisi dei dati SoftMax® Pro, Yves è in grado di offrire supporto per il calcolo di parametri farmacologici quali IC50, Emax, Km, Kd, ecc.